Per te la ripresa non c’è!

cambiamento-climatico

Molti mi domandano e io stesso mi chiedo: “c’è o non c’è la ripresa?”.

E scatta uno sterile dibattito tra chi dice “c’è, vera, timida, incerta, non consolidata”, ma c’è e chi risponde: “no, ho mandato tanti CV, ho fatto tante domande di lavoro e nessuna risposta, nemmeno un colloquio!”.
No, la RIPRESA non c’è! Del vecchio non si riprende niente e non è un gioco di parole. C’è un mondo, che è nato (ormai più di 10 anni fa) e si sviluppa a ritmi vertiginosi e ha tutte le caratteristiche del nuovo: interessante, affascinante e carico di promesse, ma anche meno comprensibile, ancora con poche regole e leggi, che ci spaventa e in cui non sappiamo bene come muoverci. Ma il nostro vecchio modo di vivere ed interpretare i nostri ruoli è ancora troppo presente e perdente e trascina verso il basso i numeri.
Pensiamo a 2 fiumi paralleli:

• il primo che viene da lontano, che si è ormai trasformato in un acquitrino. Occupa ancora molto spazio, ma a seconda della permeabilità del terreno sottostante, in certi punti sparisce velocemente; in più, clima caldo e superficie vasta favoriscono un’evaporazione accelerata

• l’altro è ancora per metà torrente, impetuoso, non ha un percorso ben definito, ma si vede chiaramente che arriverà al mare, starci vicino non è tranquillizzante, ma l’aria intorno è frizzante


Forse un la pioggia per un pò salverà il primo fiume, ma contemporaneamente il secondo s’ingrossa, definisce le sue sponde, impone la sua presenza.
Noi siamo tra i due fiumi, se scegliamo il primo possiamo continuare a sognare il passato, ma non ci muoveremo (il “lentamente muore ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi” di Martha Medeiros). Nello sperare in qualche goccia d’acqua, quelli fortunati non vedranno il deserto finale della storia, solo perché se ne andranno prima tra gli inattivi. Nel secondo caso aspettiamoci intoppi, complicazioni, ma non solo quelli, ci saranno successi, risultati e tantissime opportunità.
Se usciamo da queste immagini e rientriamo nella nostra vita reale ci troviamo di fronte qualcosa di molto simile. I dati della “ripresa” sul piano dei numeri ci sono, ma questi non riprendono nulla del vecchio, sono spinti dal nuovo che avanza. Il totale è formato dai + e i – dei due fenomeni.
Per nostra fortuna in prevalenza non ci sono settori che se ne mangiano altri o mestieri che spariscono, ci sono modi e percorsi di essere quel prodotto o quel servizio che sono vincenti, ci sono ruoli e mestieri che devono essere reinterpretati per essere utili.
Voglio fare qualche esempio di ruoli e mansioni di tipo diverso, che sono cambiati e di come provare a fare in modo che “per te la ripresa c’è”:
• la colf di 10 anni fa così l’immaginavamo: bruttarella (la moglie era tranquilla), tutta muscoli, ubbidiente e che faceva bene quello che gli veniva ordinato di fare. Quella/o di oggi può essere anche bellissima/o (tanto chi la/o vede mai), assolutamente affidabile, reperibile sempre (ottimo se avesse whatsapp e una connessione internet), e speri che lei/lui si impegni a concorrere al tuo benessere.

• Tu CFO, ICT manager, HR manager, Sales executive, che devi ricollocarti o che ritieni necessario cambiare azienda, se ti proponi certificando il tuo passato con un CV, anche ben fatto e basta, vali poco. Non è sufficiente nemmeno se ti presenti dove qualche tuo collega è caduto in disgrazia, perché chi ti trovi di fronte oggi pretende qualcosa in più, che a volte non ha ben chiaro in mente, ma che si farà convincere da chi saprà rispondere a questo “qualcosa in più” che cerca.

• Sei un giovane, credi di essere un talent, hai una buona scuola, buon percorso di avvicinamento al lavoro (stage), ti proponi puntando sul tuo desiderio d’imparare, la tua disponibilità ad essere formato e, genialata, volontà di far carriera, Non accontenta più. Anzi oggi suona stonato, l’altro percepisce: devo insegnargli, devo formarlo, devo fargli far carriera. Tutti costi, energie e pure vorrà uno stipendio…follia! Se vuoi quel posto (prima regola: scegli solo quel che vuoi veramente e cerca di consocerlo), devi trovare il modo di condurre l’altro a vederti anche in un’altra prospettiva (seconda regola). Poi la partita diventa giocabile.

• Ti dicono, molto gentilmente usando sinonimi, sei “vecchio”, a forza di sentirlo quasi ci credi, eppure tu devi, vuoi continuare, hai un sacco d’esperienza, hai realizzato nella tua vita molte cose, risolto problemi. Tutto questo sembra non valere più niente, c’è il nuovo. Verissimo, ma solo perché tu, oltre ad altri limiti facilmente superabili (prima regola: CV, abitudine a presentarsi e vendersi, etc.) non fai lo sforzo, non semplice, di rileggere la tua esperienza, storia in chiave “futuro” (seconda regola) e presentarla all’altro come una risorsa, che vale ben più del suo prezzo.
Tutto questo non è facile scriverlo, ma ancor più difficile farlo. E’ la prima ragione del blog e per cui sono interessato ad aiutarvi. In qualcuna delle situazioni che descrivo ci sono stato o ci sono. Se avete dubbi, paure, incertezze…contattatemi! Condividendole insieme possiamo trovare risposte e forse con più fatica soluzioni.

Nel prossimo post cercherò però di descrivere anche il rischio e il “brutto” del nuovo.

A rivederci presto e in bocca al lupo!

Annunci

Un pensiero su “Per te la ripresa non c’è!

  1. Vittorio Banone

    Punto di vista interessante seppur sia una vista traversale e non sempre sul campo. Alcune realtà,come quella che vivo io,sono diverse e mi fanno credere a una non ripresa fino a quando,alcune mentalità non verranno cambiate seppur abbia la fortuna,dalla mia parte,di poter osservare sia il fiume che il torrente.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...