Sarò contro la decadenza del mondo del lavoro!

CCG-JPG-Altarisoluzione

Avendo superato la settantina mi posso permettere forse di dire qualcosa di scomodo, con meno ritrosie di quando di anni ne avevo quarantacinque e fondai Career Counseling, società di outplacement e ricollocazione professionale.
Ora i tempi son ben diversi e poco è rimasto di quel modo di pensare al lavoro, ma già allora, e per tutti questi anni, pensavo a qualcosa di diverso, qualcosa che potesse unire lavoro e persona. L’outplacement non era esattamente quello che avevo in mente; in fondo si trattava di un esser fuori posto, un essere allontanati, esclusi da una produzione e da un ruolo per rientrare da un’altra parte nello stesso ruolo. Passare da un mondo all’altro, da un’azienda ad un’altra senza battere ciglio: questo era più o meno quello che si è venduto per molto tempo.
Ora mi chiedo: quando sono diventato anche io decadente senza accorgermene?
Mi spiego meglio.
Per me decadente è un mondo di cui non ci interessa più la funzione, le regole interne, la struttura. Così una volta la gente comune conosceva l’effetto terapeutico di molte erbe e ortaggi, poi, la decadenza del mondo agrario ha fatto sì che tutti si siano disinteressati. Nessuno di noi conosce l’effetto, il terreno di coltura di ciò che normalmente introduciamo come cibo quotidiano. Ecco cos’è decadente. Un modo sciatto di avere a che fare con le cose del mondo, specialmente quando stiamo parlando del nostro mondo.
Oggi respiro nel mondo del lavoro un’aria decadente. Non so se è la paura che il lavoro manchi, che non ci sia più per tutti ad aver creato questo effetto. Non voglio azzardare analisi che non sarei in grado di condurre. E’ ciò che vedo e respiro tutti giorni, che mi allarma.
Qualsiasi lavoro.
Questa frase, declinata in mille forme, l’ho sentita pronunciare anche nel silenzio dei miei clienti. Qualsiasi lavoro significa che io non posso scegliere, che ho perso l’umanità, la direzione verso qualcosa in cui credere. E’ decadenza. E’ disinteressarsi a ciò che sicuramente in passato ci aveva interessato. La carriera di studi, la scelta, il conoscere un certo mondo e sentirsi parte. E ora pronunciamo quella frase senza vergogna: “ma, sì, mi va bene qualsiasi soluzione!”.
Qualsiasi lavoro, a pensarci bene, è un’aberrazione, è mancanza di fedeltà a se stessi ed alla vita che si sta conducendo, ai valori in cui abbiamo voluto credere e a ciò che vogliamo ancora dare.


 

Ho deciso di chiudere Career Counseling per tanti motivi che non sto qui a spiegare.
Ho deciso di aprire un’altra società a 71 anni, CC Global, per un motivo sopra gli altri: per non cedere alla decadenza.
Ho ancora questo sogno: condurre le persone verso qualcosa che sentano proprio, estendere la loro carriera con direzione e chiudere con un senso. Non voglio essere io a convincere le persone ad accettare qualsiasi compromesso. So bene che un’azienda non vale l’altra, che ci sono dei valori e un sentire profondo in ciascuno di noi e che accontentarsi toglierà alcune ansie, ma ne fa venire molte altre.
Credo che un giovane non dovrebbe permettere di frammentare la propria carriera professionale continuamente in nome di forme contrattuali senza capo né coda, e che un uomo di mezza età non dovrebbe acconsentire a cambiamenti casuali per decisione altrui. Così come credo, che chi ha un buon posto sicuro, debba dormire preoccupato se il “buono e il sicuro” è definito fuori da se stesso.

 
Solo il 12% delle persone che si rivolgono a noi potrebbe oggettivamente rientrare nella categoria dei senza lavoro, ma tutti hanno l’obiettivo della Continuità di Carriera e considerano insieme a noi questa parte la più urgente, non la più importante.

 
Questo è il vero “posto fisso” di oggi e degli anni a venire. E osservando con attenzione ed esperienza le imprese, che hanno successo, ho trovato questo nesso per un percorso parallelo, ma indipendente di persona ed azienda che sarà l’asse su cui si ricostruisce il nuovo mondo del lavoro. Ma questa è un’altra storia che affronteremo la prossima volta.
Auguri a tutti voi a CC Global e a me stesso!

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...